ANALISI CONFEDERATION CUP 6VS6: Gironi A-B
© S-cup.it

ANALISI CONFEDERATION CUP 6VS6:
Ad una giornata dal termine, di questa seppur breve ma intensa kermesse, andiamo a vedere girone per girone come si sono comportate le 18 squadre partecipanti.La divisione in "Champions League" ed "Europa League" permette quasi a tutte e 18 squadre di poter continuare la strada verso la coppa, eccetto per le due peggiori seste.Ultima giornata, quindi diventa di fondamentale importanza per i piazzamenti finali e la determinazione dei due tabelloni.GIRONE A:Il Girone A, vede già una squadra sicura del primo posto e del quarto di finale, ovvero l'Argentina di capitan Mirko Vannella.L'armata Vannelliana conferma la sua propensione alla vittoria, sono 4 su 4 infatti le vittorie ottenute fino a questo momento. Punteggio pieno e miglior difesa del torneo, di diritto gli Albicelesti diventano la pretendente principale alla coppa.Alle loro spalle troviamo la Svezia, più nota come Sampdoria, compagine storica dei nostri circuiti.Con Tony Giordano, bomber ritrovato, gli scandinavi si sono dovuti arrendere solo alla prima giornata contro Malta, squadra con cui condividono il punteggio.La sfida finale contro l'Argentina, potrà confermare quello che di buono si è fatto in questa competizione, e anche se dovesse malauguratamente arrivare una sconfitta, i giallo-blu potrebbero comunque accedere direttamente ai quarti Champions.Passiamo ora agli "isolani" di Malta, squadra formata sull'ossatura dello Chalet Barbato, che tanto bene sta facendo.Solo l'Argentina è stata in grado di battere capitan Piero ed i suoi, che ora aspettano lo scontro diretto contro il Perù per ambire al titolo di migliore terza e qualificarsi ai quarti.Chi spera ancora nel piazzamento Champions sono Perù e San Marino entrambe appaiate a quota 4 punti, gli ultimi 50 minuti sono decisivi per entrambe che comunque si sono già assicurate il posto in Europa, obiettivo centrato, tutto quello che verrà in più sarà preso con ottimismo da capitan Cuccaro e dai fratelli Massanova.Chi invece vede ridottissime le speranze di arrivare ad agganciare l'Europa, è l'Uruguay di capitan Falvo.A tratti troppo sfortunata la "celeste" fanalino di coda a 0 punti che cercherà con tutte le forze la vittoria per sperare di essere la migliore ultima, e qualificarsi in extremis.GIRONE B:Molto più equilibrata è la situazione nel girone B.Sono ben 4 le squadre racchiuse in 2 punti, e la situazione incertissima, volge all'epilogo proprio questo martedì.Al comando c'è l'Islanda di capitan Cinquegrana, ancora imbattuta e forse la squadra che ha espresso il miglior calcio della competizione fino a questo punto.Il ritorno di Bozza e l'innesto di Iervolino hanno innalzato e non poco il tasso tecnico della squadra, che a 50 dalla fine, potrebbe accontentarsi anche di un pareggio per il primato.Alle loro spalle troviamo il Belgio, che tanto bene ha fatto nella spring-cup sotto il nome del Genoa, e che con un punto in meno all'Islanda, spera nell'ultima partita per prendersi la Champions, anche se la differenza reti unita ai 7 punti, lasciano ben sperare anche in vista della migliore terza.Slovacchia e Cile si contendono la postazione entrambe a 6 punti. Inverso è però il cammino, prime due giornate vittoriose per Palumbo e i suoi, sconfitti invece Cimmino&co.Slovacchia-Belgio sarà sicuramente il big-match che potrà addirittura forse assegnare il primato.Cile a cui serve una vittoria per portarsi in Champions.Madagascar quasi sicuramente in Europa League, visto che i 3 punti conquistati contro l'Olanda, permettono a De Falco di dormire sogni tranquilli.Fanalino di coda inaspettato è l'Olanda di Rosiello, partita con ben altre ambizioni.I continui cambi di formazioni non hanno giovato gli Oranje che ora devono assolutamente vincere per continuare il cammino.