ANALISI QUARTI DI FINALE SPRINGCUP
© S-cup.it

Anche il torneo del giovedì sera conosce le sue magnifiche quattro.

Si sono palesate infatti le quattro compagini che si contenderanno la coppa in questo sprint finale, e sono GENOA, QDV, PSG e REAL CAMALDOLI.

CHALET BARBATO-QDV: Unico quarto senza storia.

Quello tra Qdv e Genoa non fa altro che confermarci la supremazia dei ragazzi di Vannella, veramente inarrestabili fino a questo momento.

Mai in discussione il match sin dai primi di gioco dove il Qdv subito fa capire le proprie intenzioni.

Geppino Marino autore di 5 gol, è il mattatore del match, coadiuvato in modo splendido da Catrisano ed Esposito.

Poco, quasi niente da fare per il Barbato, che però si toglie la soddisfazione di siglare il gol della bandiera con Scarpati. 

Qdv di diritto pretendente principale al titolo, che ora attande il Real Camaldoli in semifinale.

PSG-REAL BRACIOLA: 

Sfida equilibratissima quella tra Psg e Real Braciola.

Già nella regoular le due compagini avevano dato spettacolo e si erano divise la posta in palio. 

Parte bene il Psg che trova il vantaggio con il solito Sollo.

Vantaggio che però dura poco, il Braciola infatti pareggia i conti con Passariello e la gara si incanala verso il pari.

Ci provano in tutti modi quelli del Psg ma la difesa granitica del Braciola non concede niente.

Quando i rigori sembrano materializzarsi, e le squadre addirittura fanno i cambi per i tiratori, Marco Cianox Arcopinto si inventa una perla su punizione.

Scoppiano di gioia i compagni che così guadagnano l'accesso alle semifinali, proibitiva la sfida contro il Genoa per loro.

REAL CAMALDOLI-ATLETICO NEAPOLIS: 

Dopo lo stentato avvio iniziale, capitan Montieri può esultare, il suo Real Camaldoli è in semifinale.

La sfida contro L'Atletico Neapolis di Cuccaro è sulla carta molto equilibrata, ma al contrario in campo si traduce ad appannaggio dei blancos.

La squadra di Montieri infatti scende in campo determinata a vincere.

E già dai primi minuti di gioco, riesce ad imporsi sugli avversari.

Esposito e D'anna fanno ammattire la retroguardia avversaria, e Folle può poco o niente contro le conclusioni avversarie.

Napolitano e Botti con un gol a testa provano a riaprirla.

Ma i camaldolesi riprendono il gioco in mano e chiudono il match sul 6 a 2.

Semifinale contro il Qdv che sulla carta si mostra senza storia, ma la verve e là caparbietà di Montieri&co può tirare un brutto scherzo ai pluricampioni.

GENOA-NO LOOK:

Altra semifinale senza storia quella tra Genoa e NoLook.

Orfani di bomber Capuozzo, i grifoni partono male subendo il gol avversario.

No Look che sembra padrone del campo per i primi 10 di gioco.

Appena capitan Librano però scuote i suoi la musica cambia.

Dal 13esimo minuto, ovvero il primo gol rossoblu, la gara diventa a senso unico.

Romano segna solo un gol personale, ma è autore di ben 7 assist per i suoi, determinanti per guadagnarsi la palma di mvp.

Testa e Miceli, con una tripletta a testa, lanciano il grifone in semifinale.

Il Psg ora li attende, la vittoria delGenoa nella regoular riecheggia ancora nelle menti dei calciatori in campo.

Finirà allo stesso modo o ci saranno sorprese?

A 100' minuti dalla fine la SpringCup è ancora viva.

Chi sarà la vincitrice?